Scarpe-da-calcio.com

 
nuove adidas f50 adizero
 
adidas f50 adizero micoach

F50 adiZero miCoach II

Premessa. Lanciate, ufficialmente, il 7 Novembre 2012 “ai piedi” di Lionel Messi, in occasione della partita di Champions League Celtic Glasgow - Barcellona (finita clamorosamente 2-1 per gli scozzesi), le nuove F50 adiZero miCoach II nascono dal desiderio di Adidas di continuare la tradizione della ormai popolarissima serie adiZero e si confermano ancora una volta tra le scarpe da calcio piu’ leggere in assoluto. Esattamente come la precedente edizione, anche le nuove Adidas F50 adiZero miCoach II adottano l’ottima configurazione di tacchetti Traxion 2.0, hanno suola in TPU con copri-tallone esterno incorporato e sono disponibili in due versioni: una con tomaia in pelle di pieno fiore (198 grammi) e una ancor piu’ leggera con tomaia in pelle sintetica SprintSkin (164 grammi). Sono dotate, ovviamente, anche dell’alloggiamento per lo speciale sensore miCoach, da acquistare separatamente oppure in “bundle”, ovvero col pacchetto “tutto incluso”(scarpe+miCoach).


Tomaia. Come anticipato in premessa, le nuove Adidas F50 adiZero miCoach, esattamente come tutte le precedenti edizioni adiZero, sono disponibili in due versioni: una con tomaia in pelle naturale  (pieno fiore, per l’esattezza) e una con tomaia, piu’ sottile, realizzata in SprintSkin, che e’ la tipologia di pelle sintetica piu’ leggera, prodotta, attualmente, da Adidas. Rispetto alla tomaia delle precedenti F50 adiZero miCoach, tuttavia, in questa nuova edizione e’ stata apportata una modifica importante: sia nella nuova versione in pelle pieno fiore che nella nuova versione in SprintSkin, sono state infatti rimosse le parti plastiche che, nella precedente edizione, per l’appunto, si diramavano dalla zona di allacciatura fino alle parti laterali della scarpa. Le nuove F50 adiZero miCoach, hanno, quindi, una tomaia costituita, adesso, tutta da un unico materiale, che puo’ essere, come appena detto, o in pelle pieno fiore o in pelle sintetica SprintSkin, senza l’aggiunta di alcun materiale plastico al loro esterno.


Pelle pieno fiore e SprintSkin. Trattandosi di materiali completamente diversi tra loro (una e’ pelle naturale mentre l’altra e’ pelle sintetica), tra le due versioni delle nuove F50 adiZero miCoach, sussistono, come e’ normale che sia, delle differenze abbastanza importanti: quelle con tomaia in pelle pieno fiore, innanzitutto, garantiscono un comfort sicuramente superiore rispetto a quelle in SprintSkin (la pelle naturale, infatti, rispetto alla pelle sintetica, e’piu’ morbida ed e’ quindi dotata di un maggior livello di flessibilita’, in fase di corsa). Con la versione in pelle pieno fiore, si hanno dei vantaggi anche in termini di sensibilita’ nel contatto col pallone, proprio perche’ la tomaia e’ piu’ morbida e si ha, quindi, una miglior percezione della palla. Di contro, pero’, le F50 adiZero con tomaia in pelle sintetica SprintSkin, hanno il vantaggio di non richiedere alcuna manutenzione (ovvero nessun utilizzo di paste o grassi specifici per mantenere la tomaia in buono stato) e soprattutto, mantengono meglio nel tempo, la loro forma: non fanno, cioe’, registrare alcun fenomeno di “espandimento” o “cedimento” della tomaia (tipico, invece, delle pelle naturali), garantendo, quindi, un ottimo livello di aderenza col piede, anche dopo diversi mesi. Altro vantaggio delle F50 adiZero in pelle sintetica SprintSkin rispetto a quelle in pelle pieno fiore, risiede nel controllo di palla: nella nuova versione in pelle sintetica, infatti, la tomaia presenta sulla sua superficie una serie di micro rilievi (sotto forma di linee rette e ondulate) che aiutano a migliorare (anche se lievemente) il grip col pallone, che risulta quindi un po’ piu’ facile da controllare. Aspetto, questo, che puo’ risultare utile soprattutto quando si gioca in presenza di pioggia. 

Le nuove F50 adiZero in SprintSkin hanno, inoltre, il beneficio di essere piu’ leggere (34 grammi in meno a scarpa rispetto alle F50 adiZero in pelle pieno fiore) ma sono anche meno protettive, proprio perche’ hanno una tomaia piu’ leggera e sottile. Non a caso, le F50 adiZero in SprintSkin presentano, al loro interno, la cosiddetta tecnologia SprintWeb, gia’ adottata anche nelle precedenti edizioni in pelle sintetica: sostanzialmente, si tratta di una leggerissima struttura in TPU (applicata alle parte laterali interne della scarpa) che serve a compensare, parzialmente, lo spessore molto ridotto della tomaia e a donarle un maggior livello di stabilita’ in occasione delle sollecitazioni laterali (ad esempio, quando si esegue un rapido cambio di direzione). Sintetizzando, possiamo affermare che: chi desidera una miglior aderenza piede/scarpa, zero preoccupazioni in termini di manutenzione (ad eccezione della pulizia interna ed esterna) ed una leggerezza superiore, farebbe sicuramente meglio ad optare per la versione in SprintSkin. Chi desidera, invece, una maggior sensibilita’ nel tocco, un maggior comfort e vuole anche un po’ di protezione in piu’, farebbe meglio ad optare per la versione in pelle pieno fiore.


Suola. Esattamente come le precedenti edizioni, anche queste nuove Adidas F50 adiZero adottano una suola realizzata interamente in TPU, con copri-tallone esterno incorporato. Come molti sapranno gia’, tale suola e’ stata battezzata da Adidas col nome di Sprint Frame (ben leggibile su un lato del copri-tallone). Per cio’ che concerne la configurazione dei tacchetti, questa e’ la stessa delle precedenti F50 adiZero e delle Predator LZ: parliamo cioe’ della configurazione Traxion 2.0, che prevede 4 tacchetti triangolari sul retro e 7 sul davanti (di cui 6 triangolari posizionati lungo i bordi e 1 romboidale nella parte centrale).  In termini di trazione (ovvero di grip col terreno in fase di scatto) i risultati sono davvero eccellenti. Ottima e’ anche la dispersione della pressione esercitata contro i tacchetti stessi, che durante la corsa, appaiono, infatti, quasi impercettibili. La suola, inoltre, include al suo interno la cavita’ per alloggiare il miCoach, ovvero lo speciale sensore Adidas in grado di rilevare e registrare tutti i parametri piu’ importanti delle proprie performance in campo, come velocita’ massima raggiunta, velocita’ media, numero di scatti e altro ancora. Finita la partita (o l’allenamento), tali dati possono essere scaricati su diverse tipologie di dispositivi (PC, Mac, iPhone e tablet) ed essere cosi’ analizzati con calma, per valutare la propria prestazione ed individuare le eventuali aree di miglioramento.


Calzata. In termini di vestibilita’, le nuove Adidas F50 adiZero calzano in maniera identica alle precedenti versioni: si tratta, cioe’, di scarpe slim fit, ovvero molto aderenti col piede. Come spiegato nel paragrafo riguardante la tomaia, e' necessario precisare che le F50 adiZero in pelle pieno fiore, dopo un po’ di tempo fanno registrare il classico fenomeno di allargamento o cedimento della tomaia (tipico delle pelli naturali), per cui perdono, parzialmente, l’effetto molto aderente che si ha all’inizio. Tale fenomeno, non si registra invece con le Adidas F50 adiZero in pelle sintetica, che restano, quindi, molto aderenti col piede, anche dopo diversi mesi di utilizzo.


Considerazioni finali. Esattamente come tutte le precedenti edizioni, le nuove Adidas F50 adiZero, in virtu’ del loro peso ridottissimo e della loro grande efficacia in termini di trazione, rappresentano le scarpe da calcio ideali per tutti quei giocatori che puntano molto (o tutto) sulla velocita’. Non a caso, sono indossate, prevalentemente, da attaccanti, ali e terzini fluidificanti. In termini di performance in campo, queste nuove Adidas F50 adiZero non fanno registrare, praticamente, alcuna grossa differenza, rispetto alle precedenti edizioni. L’unico miglioramento degno di nota riguarda la versione in pelle sintetica: come spiegato sopra, infatti, le nuove F50 adiZero in SprintSkin presentano sulla superficie della tomaia una serie di micro rilievi che in nessuna delle precedenti edizioni in pelle sintetica erano stati applicati. Tali elementi permettono di creare un po’ piu’ di grip col pallone e aiutano, in qualche misura, a controllarlo piu’ agevolmente. Per tutto il resto, tra le vecchie e le nuove F50 adiZero non vi sono altre differenze notevoli da segnalare, ad eccezione della forma leggermente piu’ aerodinamica dello scarpino, la rimozione delle parti plastiche dall’esterno della tomaia e il leggero restyling del logo (le tre bande oblique sono, infatti, piu’ grosse, piu’ spostate in avanti e con un angolatura differente).

Scritto il: 14 Gennaio 2013
da Francesco Patane'
© RIPRODUZIONE VIETATA

In sintesi

ADIDAS F50 ADIZERO MICOACH II 

caratteristiche tecniche: allacciatura asimmetrica, suola in TPU, tacchetti triangolari, peso 164 grammi (*tomaia in pelle sintetica SprintSkin), peso 198 grammi (*tomaia in pelle pieno fiore)
indossata soprattutto da: attaccanti, ali, terzini fluidificanti
note particolari: la tomaia e' disponibile in due varianti (una in pelle naturale e un'altra, piu' leggera, in pelle sintetica)

valutazione utenti 

 

 



Le versioni economiche:
ADIDAS F30, F10, F5

Per soddisfare le esigenze di budget di quanti piu’ giocatori possibili, Adidas, parallelamente a questo nuovo modello di F50 adiZero, ha lanciato sul mercato anche le cosiddette versioni economiche: le F30, le F10 e le F5. Rispetto al modello top di gamma, tali versioni economiche non sono dotate di copri-tallone esterno in TPU, hanno una tomaia realizzata con materiali di qualita’ inferiore e sono meno leggere. Tra le 3 versioni, quelle col miglior livello qualitativo, sono, senza ombra di dubbio, le F30, che possono essere considerate scarpe semi-professionali e sono disponibili sia in pelle di vitello (peso 278 grammi) che in pelle sintetica (peso 266 grammi). Le F10 e le F5, invece, sono scarpe di qualita’ inferiore, ma ottime, comunque, per uso agonistico e/o amatoriale.

Spazio commenti
29 Agosto 2013
NOME O NICKNAME: jordy 99
LIVELLO: agonistico
RUOLO IN CAMPO: centravanti
MODELLO DELLA SCARPA: F50 adiZero Messi
TIPOLOGIA SUOLA: FG
COMMENTI / OPINIONI SULLA SCARPA: Leggera e comoda, ma si é rivelata una vera delusione, dopo 8 partite mi si sono staccati - o scollati i tappini copri tacchetti, anteriori del tallone, scarpa da buttare e Adidas che mi da un rimborso di 120 Euro su 240 che ho pagato. Perdita dovuta probabilmente a difetto di fabbrica in quanto ne i tacchetti ne i copri tacchetti presentano segni di rottura o usura. Credo di ritornare alle mie vecchie Nike.


 

nuove adidas f50 adizero
Protected by Copyscape Online Plagiarism Tool
Copyright© Scarpe-da-calcio.com
La riproduzione, anche parziale, del contenuto di queste pagine, è vietata
partita iva IT05178480876 di FRANCESCO PATANE'
sito